I grassi MCT nei disturbi di maldigestione e malassorbimento dei grassi

I grassi MCT nei disturbi di maldigestione e malassorbimento dei grassi

Le particolari proprietà dei grassi MCT li rendono utilizzabili in molti modi nelle patologie gastrointestinali.
Attraverso l’alimentazione si assumono soprattutto grassi costituiti da acidi grassi a catena lunga (LCT / long-chain-triglycerides). Questi grassi a catena lunga sono poco solubili in acqua e richiedono quindi un laborioso processo di digestione per permetterne l’assorbimento, il trasporto alle cellule e la metabolizzazione da parte dell’organismo.
Gli acidi grassi a catena media (MCT / medium-chain triglycerides) vengono estratti dall’olio di cocco e dall’olio di palma. La particolare composizione dei grassi MCT richiede una digestione molto più semplice rispetto a quella dei grassi LCT.
La minore lunghezza della catena conferisce ai grassi MCT una maggiore solubilità in acqua. Possono quindi arrivare alle cellule dell’intestino tenue indipendentemente dagli acidi biliari o dall’azione di enzimi pancreatici.
I grassi MCT non devono nemmeno essere assemblati in chilomicroni ed essere trasportati attraverso il sistema linfatico. Vengono ceduti direttamente al sangue.

Mentre per la digestione dei grassi LCT è necessaria una determinata quantità di acidi biliari e di enzimi pancreatici, i grassi MCT passano direttamente al flusso sanguigno e forniscono energia.
  • In caso di disturbi del metabolismo degli acidi biliari e nelle malattie epatiche, la caratteristica di essere assimilati senza l’intervento di acidi biliari, rende i grassi MCT una preziosa fonte di energia.

    Per es.: malattie colestatiche come l’atresia dei dotti biliari, la sindrome di Alagille e la coleasti intraepatica familiare progressiva.

  • In caso di disturbi dell’assimilazione dei grassi da parte dell’intestino, il fatto di essere assorbiti velocemente, rende i grassi MCT particolarmente preziosi e ottimamente impiegabili in fase di rialimentazione.

    Per es.: malattie intestinali e sindrome dell’intestino corto (intestino corto chirurgico o funzionale).

  • In caso di disturbi del trasporto lipidico attraverso il sistema linfatico, il fatto che i grassi MCT passano direttamente al flusso sanguigno li rende particolarmente vantaggiosi, poiché non appesantiscono il sistema linfatico.

    Per es.: chilotorace, ascite chilosa ed enteropatia proteinodisperdente.

Vantaggi dei grassi MCT

  • I grassi MCT non hanno bisogno di sali biliari per la loro digestione

  • I grassi MCT vengono assorbiti dall’intestino senza l’aiuto di enzimi pancreatici

  • I grassi MCT vengono ceduti direttamente al sangue, senza passare attraverso il sistema linfatico

  • I grassi MCT vengono utilizzati più facilmente e più velocemente come supporto energetico dal fegato e dai tessuti

Ricette con grassi MCT

 

Nota: Questo articolo é solo a scopo informativo e non sostituiscono i consigli medici e dietetici individuali.

Contattarci:

Numero verde:

IT 0800 847 081


Iscriviti alla nostra newsletter!

Newsletter